Istituto “Amabile” e Generali Avellino Italia: un ponte tra teoria e pratica

 

Una finestra aperta sul mondo delle professioni autonome nel settore assicurativo, una collaborazione che si rinnova e genera nuove conoscenze e nuove opportunità.

L’Ite Amabile di Avellino e l’ Agenzia Generali Avellino Italia del dott. Paolo Sanfilippo di nuovo insieme nell’ambito dei percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento: la VF nel mese di aprile ha  incontrato  i Consulenti del Leone alato per un approccio concreto al mondo del marketing operativo e delle strategie che guidano i professionisti del settore assicurativo.

La parola d’ordine per i professionisti del terzo millennio è: competenze.

«Come hanno ben evidenziato i consulenti, guidati in questo ambizioso progetto da Raffaella Picone Recruiter di Generali Avellino Italia – racconta la dirigente dell’Ite Amabile, Antonella Pappalardo – la chiave del successo del professionista moderno è racchiusa proprio nelle soft skills che ciascuno è in grado di sviluppare».

Raffaella Picone di Generali Avellino Italia con gli studenti dell’ Ite Amabile di Avellino

Empatia, problem solving, resilienza: ecco i temi sui quali  Antonio Carito Consulente Senior  e Giovanni Taddeo Team Trainer si sono soffermati ispirando  l’attenta giovane platea nelle tre giornate incentrate su lavoro, futuro ed anche successo

«La capacità comunicativa è essenziale per stabilire relazioni solide e basate sulla fiducia – ricorda Antonio Carito – così come è importante, per un rapporto fidelizzato e duraturo col Cliente sviluppare abilità per la ricerca di soluzioni rapide ed efficaci C’è infine la resilienza, che è forse la soft skill sulla quale occorre maggiormente riflettere: sapersi adattare ai rapidi mutamenti del mercato lavorativo è un punto di forza eccellente».

Grazie ai preziosi contenuti divulgati  da Gabriella Riccio Coach dell’ Agenzia Generali  Avellino Italia gli studenti hanno avuto l’opportunità di autovalutarsi e di scoprire come le proprie competenze personali si allineano con quelle richieste nel settore assicurativo, riflettendo su come queste possano influenzare positivamente la loro futura carriera professionale.

In una scuola per  cui nozioni di  brand identity o personal branding non sono certo novità assolute gli studenti in questo specifico percorso formativo hanno avuto l’ opportunità di  confrontarsi con una Azienda  che ha saputo costruire nel tempo un Brand prestigioso

«Su questo argomento  la VF con  esercitazioni pratiche – ricorda la docente Delia Stroffolino  -,  ha appreso come definire la propria reputation, come costruire un’immagine coerente che rifletta i valori personali e professionali. Ma anche come promuovere il proprio profilo ed utilizzare le competenze e le conoscenze acquisite per distinguersi nel mercato».

Uno degli aspetti più coinvolgenti del programma è stato l’apprendimento dello storytelling, i  ragazzi hanno provato  a raccontare la propria storia professionale in modo autentico, creando un legame emotivo con l’uditorio e migliorando la propria capacità di influenzare positivamente gli altri.

Ultimo atto dell’ esperienza con Generali Italia, il 13 maggio, nella sede dell ‘Agenzia di Viale Italia, in questa giornata i ragazzi hanno sostenuto un primo colloquio conoscitivo col team di Recruiting, e si sono confrontati con l ‘Agente Generale Paolo Sanfilippo ricevendo gli attestati di partecipazione.

Paolo Sanfilippo consegna gli attestati di partecipazione.

«La mia testimonianza insieme a quella del nostro Manager di zona Carmine Di Ruberto  – sottolinea il consulente Giovanni Taddeo – hanno illuminato i volti dei ragazzi che sono apparsi particolarmente attratti dai racconti di crescita di successo. L’entusiasmo dei giovani, unito alla voglia di apprendere, è un goal incredibile per chi svolge questo lavoro e vede potenziali nuovi professionisti prendere forma»

«La collaborazione con Generali Avellino Italia rappresenta un’opportunità eccezionale per i nostri studenti – conclude la dirigente dell’Istituto Tecnico Economico “Amabile” di Avellino, Antonella Pappalardo – un’occasione di verificare “sul campo” ciò che significa affacciarsi al mondo del lavoro con strumenti concreti e una preparazione di alto livello».

Comments
Share
Staff Lino Sorrentini Comunicazione

OBBLIGHI PUBBLICITARI PER AIUTI E SOVVENZIONI

 

Come disposto dall'art. 1, comma 125, della L. 124/2017, si dichiara di aver ricevuto per l'anno 2020 aiuti di Stato e/o aiuti de minimis e che questi sono stati pubblicati nel Registro Nazionale degli Aiuti di Stato.

 

In tale Registro "sezione Trasparenza" sono esposti gli importi relativi a sovvenzioni, contributi, incarichi retribuiti e vantaggi economici di qualunque genere, ricevuti dalle pubbliche amministrazioni e dai soggetti assimilati alle pubbliche amministrazioni.

 

Per tali aiuti, la pubblicazione nel predetto Registro tiene luogo degli obblighi di pubblicazione posti a carico del soggetto beneficiario.